13 Giugno 2017

Se hai il concerto di Vasco sotto casa: Via!

Se hai il concerto di Vasco sotto casa, all’inizio lo ignori. O almeno ci provi: ci sono sempre le locandine dei giornali a ricordarti il più grande concerto di tutti i tempi. Duecentoventimila anime che inseguono una vita piena di guai e chissà se il destino le potrà accontentare.

Se hai il concerto di Vasco sotto casa, prima o poi ti capita quello che ti dice: “ma come, non l’hai affittata? Un mio amico ci ha fatto…” e segue una cifra generalmente poco appropriata. Anche gente che denuncerebbe la zia in odore di presunto strozzinaggio ti consiglia di approfittare di tutta quella gente in cerca di guai. Che poi un senso ce l’ha, perché in fondo sarebbe come dare un paio di sberle a un masochista. E’ per il suo bene.

No, comunque, non ho affittato casa, non venderò bottiglie d’acqua minerale all’incrocio con la via Emilia, non strapperò biglietti per l’uso del bagno. Un po’ perché ci tengo ai miei libri, ai computer e alle altre cosucce che non sto qui a scrivere: la gente di passaggio, si sa, qualche guaio te lo provoca. E anche perché, se hai il concerto di Vasco sotto casa all’inizio lo ignori. E adesso è troppo tardi.

Però ho intenzione di scriverne… vediamo cosa capita da qui al primo luglio.