9 Luglio 2016

Modena, Muhammet e Mohamed.

Da una parte c’è Muhammet e dall’altra Mohamed. Sembrano avere molto in comune, ma non potrebbero essere più distanti.

Il primo, Muhammet, è turco. Vive in Italia da parecchio e per anni ha fatto un lavoro duro, con i turni. Ha tre figlie, la più piccola fa la primaria ed è per questo che lo conosco. Mi dice: “Ivan, io riparto. E’ finita”.
Ci vuole poco a capire, la crisi morde e senza lavoro non ci sa stare. Ha tre mesi di affitto arretrato, la situazione non è destinata a migliorare. Sa che la moglie non farà storie, in tanti anni non si è mai ambientata; non parla nemmeno l’Italiano. Diverso è per le figlie, dovranno imparare tutto daccapo, così mi dice. Qui sono “le turche”, là saranno “le italiane.”
E mi sembra di capire che non c’è un meglio, tra queste due condizioni.

Muhammet parla e muove le mani tozze e dure, ma poi si commuove e tira fuori dalla tasca un fazzoletto. Non c’è mano più delicata di quella che vedi asciugare una lacrima.

L’altro è Mohamed. Di un Paese diverso, ma non dico quale. Sarebbe fuorviante, poco importa alla storia. Lo conosco da cinque anni e, tutti i giorni che il buon Dio manda in Terra, se ne sta disteso sul divano. Di una casa popolare. Cinque figli in un bilocale, nessun lavoro, ma tanta solidarietà intorno. Sono solidali gli uffici del Comune che gli hanno assegnato l’alloggio, solidali le ONG che portano pacchi di pasta regolarmente, solidali le offerte della parrocchia. E quando qualcuno non salda la bolletta elettrica, la famiglia se ne sta al buio.

Lui fuma e pure molto, ma non è questo il punto. Non ci sarebbe neanche un punto, se tra pochi giorni le figlie del mio amico Muhammet non fossero costrette a lasciare i jeans nell’armadio. Al paese non capirebbero.

E allora mi viene da pensare che il bianco buono e accogliente e quello cattivo e razzista finiscono per far partire il mio amico Muhammet e le sue figlie. E mi sembra strano che i buoni e i cattivi ottengano esattamente lo stesso risultato. Ci deve essere un errore.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *