12 Ottobre 2018

La sposa, lo sposo e le Euro4

 

Seduto in quel caffè, quello della canzone voglio dire, il caffè che sta in fondo alla via Emilia, arriva uno e attacca a discutere dell’Euroquattro con il barista. Monta tutta una questione sulla giustizia sociale. Dice, il tipo, che quel Bonaccini, quello della Regione, ha fatto bene a ritirare il blocco delle Euroquattro, le diesel.
Sì perché, dice, bisogna pur smetterla di prendersela con i soliti, con quelli che non possono comprarsi l’auto nuova. Con il popolo!
Ecco, quando dice quella parolina, “il popolo” con il punto esclamativo, a me vien male. Sia chiaro, io ci sto in mezzo al popolo, non vivo mica nella Palazzina Vigarani, ma questa storia che se una cosa è fatta per il popolo è fatta bene a me un po’ fa ballare nei pantaloni. E ho pure la tentazione di dirgliela, al tipo, questa cosa: siamo tutti immersi in una nuvola di pece sottilissima e le Euroquattro ci danno dentro da matti e il popolo se ne sta tutto contento.
Eppure, rimango calmo, tranquillo.
Sì, perché domenica scorsa Elisa e Massimo si sono sposati e lo so che sembra che non c’entra, ma prova a seguirmi che poi ti dico. Si sono sposati, i due, e la ragazza, in Municipio, c’è arrivata a piedi, a causa della domenica ecologica, il blocco del traffico: tre chilometri di strada.
Ora, quando ho saputo questa storia, mi sono detto: “Io questa me la devo ricordare”. Fa sempre comodo tenere da conto qualche buona notizia, aiuta a recuperare il buonumore. Tre chilometri a piedi per andare a sposarsi, ma ti rendi conto? Niente parata d’ordinanza, niente effetti Bollywood, solo un sacco di strada. Hai tutto il tempo per riflettere, per progettare il futuro. Non è una limousine, che ormai l’hai affittata e quel che è fatto è fatto, devi solo scendere. No, arrivare davanti al Sindaco, dopo tre chilometri, un passo dopo l’altro, vuol dire che stai percorrendo una strada che gli altri non conoscono. Che va bene per te, ma va bene anche per gli altri. Ecco, a me pare che abbiamo bisogno di questa gente che ragiona così, poi magari il popolo s’adegua.